centralina-pyromac-24ch-radiocomandata-3
centralina-pyromac-24ch-radiocomandata-5
centralina-pyromac-24ch-radiocomandata-6
centralina-pyromac-24ch-radiocomandata-7
centralina-pyromac-24ch-radiocomandata-8

24 Canali Radiocomandata

Caratteristiche tecniche:
Alimentazione centralina: 24V
Caricabatterie da rete (incluso): 230V 50Hz
Alimentazione telecomandi: 9v Pila tipo Transistor
Portata radiocomando: 500 metri in campo aperto
Codifica radiocomando: fixed code
Corrente massima di test accenditori: 1mA
Involucro: valigetta HPRC 2300
Dimensioni: 34x30x15
Peso: 6Kg
Certificata CE
Garanzia internazionale 24 mesi
MADE IN ITALY

Questa centralina nasce per dare la possibilità al Pirotecnico di accendere i proprii spettacoli a distanza anche qual’ora fosse impossibile avere un collegamento via cavo. Col passare degli anni questo dispositivo si è sempre più diffuso anche per accendere spettacoli tradizionali dove la possibilità di collegamenti via cavo sarebbe stata possibile. Questo per il semplice fatto che avere un comando radio comporta un minor tempo di allestimento e smontaggio dello spettacolo, evita che eventuali spettatori possano “inciamparsi” nei cavi, ed è comunque più comodo per la gestione in generale. Grazie all’evoluzione che c’è stata nel campo della radiocomunicazione è possibile arrivare anche a distanze notevoli (per questo apparecchio 500metri, per altri anche diversi chilometri) gestendo le accensioni in totale sicurezza. I trasmettitori e le centraline hanno un codice interno che viene impostato in modo che sia differente per ogni dispositivo, così da poter effettuare spettacoli nella stessa area di sparo senza problemi di interferenza tra i vari sistemi di sparo in uso.

C’è inoltre la possibilità di impostare la stessa codifica di trasmissione su più centraline, così da poter gestire più unità con un unico telecomando. Si pensi per esempio a spettacoli con 3 postazioni di lancio uguali (magari a varie decine di metri di distanza l’una dall’altra): in questo caso impostando le tre centraline con la stessa codifica, sarà possibile comandare le tre postazioni contemporaneamente in modo uguale, evitando così di stendere centinaia di metri di filo, e risparmiando quindi parecchie ore di lavoro.

L’apparecchio in questione gestisce n 24 linee di sparo indipendenti, su ognuna delle quali è possibile collegare più accenditori contemporaneamente (il numero di accenditori dipende dalle loro caratteristiche tecniche, dalla distanza a cui sono posti rispetto alla centralina e dal tipo di collegamento utilizzato: si tratta di circa 20 accenditori in serie).

I due telecomandi per la gestione remota sono contrassegnati dalla lettera “A” (telecomando che gestisce i canali da 1 a 12) e dalla lettera “B” (telecomando che gestisce i canali da 13 a 24). La loro accensione avviene mediante un interruttore a slitta posto lateralmente. Ciò permette di poter manovrare i telecomandi in sicurezza anche con la centralina già armata.

Clicca qui e Continua a Leggere

L’accensione della centralina, avviene mediante un selettore basculante: quando è sulla posizione centrale la centralina è spenta; quando viene posizionato a sinistra la centralina si accende in modalità “Test”, ed un led indica l’avvenuto inserimento della modalità; quando viene posizionato a destra la centralina si accende in modalità “Fire” ed è quindi pronta per eseguire gli ordini impartiti dal radiocomando. Un led rosso lampeggiante indica l’avvenuto inserimento della modalità “Fire” (centralina armata).

La sopra accennata modalità “Test” prevede l’accensione di un led per ogni canale della centralina. Ciò è possibile facendo circolare una ridotta corrente all’interno di tutti gli accenditori collegati (detta corrente di non accensione). Se la centralina riscontra che gli accenditori sono correttamente cablati ed ancora integri, allora accende il led relativo a quel canale. In caso contrario rimarrà spento. Il Pirotecnico può quindi verificare istantaneamente il corretto collegamento di tutti gli accenditori.

Le potenti batterie interne permettono alla centralina di eseguire anche molti spettacoli senza essere ricaricate. L’autonomia della centralina in modalità “armata e pronta per lo sparo” può essere di vari giorni. Sono installati in alto a destra 3 semplici led, i quali hanno la funzione di segnalare quando la batteria si stà esaurendo. Basta verificare che non sia acceso il led di “batteria scarica”. Un secondo led avvisa quando la batteria si sta per scaricare. È fornito insieme alla centralina anche il relativo caricatore da rete.

Il tipo di morsetto utilizzato (QuickClips), viene prodotto e venduto quasi esclusivamente per l’utilizzo pirotecnico. La sua struttura in acciaio e plastica, consente l’inserimento ed il perfetto serraggio di uno o più fili. È sufficiente premere con due dita la parte esterna in plastica facendola quindi scorrere verso il basso, inserire il filo o i fili già spelati all’interno dello spazio che si crea tra la plastica esterna e l’acciaio centrale, e rilasciare quindi la parte esterna. Una potente molla provvederà a stringere il conduttore assicurandone un perfetto contatto elettrico. NB: non c’è nessun foro in cui dover infilare il filo nel cilindretto centrale: il conduttore va semplicemente appoggiato in verticale tra la plastica esterna e il metallo centrale in qualsiasi punto.

L’intera centralina è allestita all’interno di una valigetta militare HPRC2300 di fabbricazione italiana, (http://www.plaber.com/2300.htm) le cui prestazioni meccaniche, garantiscono all’apparecchio una perfetta protezione verso agenti atmosferici ed eventuali urti. L’utilizzo di acciai inossidabili per pannello, morsetti e viti, non permette che l’umidità, col passare degli anni, rovini ed usuri i componenti.